keyboard_arrow_left Indietro

Che cos’è la violenza in ambito educativo?

Molti genitori e persone di riferimento sono consapevoli del fatto che i bambini hanno diritto a un’educazione non violenta. Nonostante ciò, ancora oggi in Svizzera la violenza nei confronti dei bambini è molto diffusa: si tratta quindi di un problema sociale.

Purtroppo, nella legislazione svizzera il diritto a un’educazione non violenta continua a essere insufficientemente attuato. Ciò fa sì che la Svizzera riceva continue ammonizioni da parte di commissioni internazionali come il Comitato ONU per i diritti dell'infanzia.

Per stabilire che cosa rientra nel concetto di violenza in ambito educativo, vanno considerati numerosi fattori. I sistemi di valori nelle famiglie e nelle società, nonché le norme culturali e il contesto legislativo di un Paese, sono determinanti per stabilire che cosa rientra nel concetto di azione violenta.

Alcune definizioni di violenza

L’Organizzazione mondiale della sanità definisce la violenza in questo modo: «La violenza è l’uso intenzionale della forza fisica o del potere, minacciato o reale, contro se stessi, altre persone o contro un gruppo o una comunità, da cui conseguono, o da cui hanno un’alta probabilità di conseguire, lesioni, morte, danni psicologici, compromissioni nello sviluppo o deprivazioni.» (OMS 2003)

Del concetto di violenza domestica esistono moltissime interpretazioni; finora in Svizzera manca una definizione di violenza domestica universalmente valida e accettata (Schöbi 2017). A seconda della bibliografia, vengono definite diverse forme di violenza in ambito educativo.

La dignità umana è in assoluto uno dei principi fondamentali della tutela globale dei diritti umani. La violenza in ambito educativo viola la dignità dei bambini, nonché il loro diritto all’integrità fisica e psicologica. Degli studi condotti i diversi Paesi europei dimostrano che norme giuridiche chiare, combinate con misure di sensibilizzazione ad ampio raggio, hanno come conseguenza una diminuzione documentabile e durevole della violenza in ambito educativo.

Materiale e download

Protezione dell’infanzia Svizzera mette a vostra disposizione tutte le informazioni importanti e i materiali su questo argomento. In caso di domande, siamo a disposizione per offrirvi supporto: info@kinderschutz.ch

Posizioni politiche

Protezione dell’infanzia Svizzera prende posizione nel processo legislativo e interferisce nei dibattiti sociali. Temi centrali sono soprattutto quelli attualmente prioritari per la fondazione.

L’impegno di Protezione dell’infanzia Svizzera

Protezione dell’infanzia Svizzera menziona la violazione dei diritti dei bambini e chiede la coerente attuazione della CRC ONU in Svizzera. La Fondazione interviene in dibattiti, agisce per proteggere i bambini e chiede che i responsabili politici creino strutture adatte ai bambini e alle famiglie.

Linda Steiner
Collaboratrice scientifica
Telefono fisso +41 31 384 29 03
linda.steiner@kinderschutz.ch

Linda Steiner

Danica Zurbriggen
Collaboratrice scientifica settore Programmi
Telefono fisso +41 31 384 29 11
danica.zurbriggen@kinderschutz.ch

Danica Zurbriggen
shopping_cart
Vai al carrello
0