Riconoscimento, amore e fiducia

Per crescere abbiamo bisogno di riconoscimento, amore e fiducia

I genitori possono sostenere i loro figli anche in questi tempi di incertezza. Tra le altre cose è particolarmente importante ascoltare e soddisfare i bisogni fondamentali di riconoscimento, amore e fiducia dei bambini.

Donare amore a un bambino significa accettarlo così com’è e dimostrarglielo. I bambini e gli adolescenti hanno bisogno di questa sensazione di sicurezza per sviluppare l’autostima e per scoprire, senza alcun timore, i propri punti di forza e le proprie debolezze. Per crescere abbiamo bisogno di riconoscimento, amore e fiducia: è questo il motto.

Accettare e riconoscere il bambino così com’è

«Sei e resti mio figlio e ti vorrò sempre bene, anche se ogni tanto non approvo il tuo comportamento.» I genitori possono trasmettere questa sicurezza anche riferendo le loro reazioni al comportamento del bambino e non alla sua persona, per esempio dicendo: «Grazie per avermi aiutato a cucinare» e non: «Sei proprio un bravo bambino.» Sperimentare l’accettazione e il riconoscimento all’interno del nucleo familiare, fa sentire il bambino un membro importante della famiglia, il che rafforza la sua autostima e permette anche a lui di accettare se stesso. Per i genitori accettare significa voler bene al bambino così com’è, ma non significa tuttavia ammettere ogni comportamento del bambino.

Amore: ditelo al vostro bambino

Per lo sviluppo del bambino è fondamentale fargli sentire la vostra attenzione e tenerezza e il vostro affetto. Al bisogno di amore è associato quello di legame. I bambini che sperimentano un legame emotivo interiore hanno spesso più facilità a esplorare il mondo che li circonda e a stringere contatti con gli altri. Spesso riescono a gestire meglio i fallimenti. La loro autostima risulta rafforzata perché sono sicuri di essere amati e di ricevere le attenzioni dei loro genitori, anche se a volte non si comportano «molto bene». Ma come ci si riesce? Con uno sguardo affettuoso, un abbraccio, una pacca sulla spalla e parole esplicite come «Ti voglio bene».

Fiducia: hai il mio sostegno

Per dirla con le parole di Maria Montessori: «Aiutami a fare da solo.» L’importante è che il bambino sia sostenuto dai genitori nei suoi processi di apprendimento. Da un lato ciò significa che i genitori devono aver fiducia nelle sue capacità e credere che sia in grado di superare da solo le sfide e anche i problemi emotivi. Dall’altro i genitori devono però anche dare al bambino punti di riferimento e sostegno, per esempio spiegandogli le cose, guidandolo e fissando limiti chiari e motivati. 

Background

I punti appena illustrati sono elementi di base del corso «Genitori forti – bambini forti» (Starke Eltern – Starke Kinder®).