Sessione autunnale 2019: Raccomandazioni brevi

Oggetti del Consiglio nazionale Raccomandazione
10.09.2019 17.3693   Mo. Page. Fine del divieto di celebrare la cerimonia religiosa prima del matrimonio civile

Una fine del divieto di celebrare la cerimonia religiosa prima del matrimonio civile agevolerebbe i matrimoni religiosi di minorenni. Un rischio da cui i minori vanno protetti.

leggi tutto

11.09.2019 18.052   Iniziativa popolare. Per un congedo di paternità ragionevole

La presenza di entrambi i genitori nelle prime settimane di vita è necessaria per lo sviluppo sano e la protezione del bambino. Se non si vuole concedere un congedo parentale, si preveda almeno un congedo di paternità.

leggi tutto

23.09.2019 19.3262   Po. Gugger. Se i bambini stanno bene, la Svizzera sta meglio

Una strategia in materia di sostegno alla prima infanzia consentirà di identificare chiaramente le lacune. Solo così tutti gli attori coinvolti potranno adottare e attuare misure adeguate.

leggi tutto

Oggetti del Consiglio degli Stati Raccomandazione
12.09.2019 19.3633   Mo. Noser. Difensore civico dei diritti dell’infanzia

I minori devono poter essere informati sui loro diritti e consigliati giuridicamente su tutte le questioni che li riguardano. Gli adulti beneficiano di tali servizi. Ciò deve valere anche per i minori.

leggi tutto

19.09.2019 18.091   Oggetto del CF Legge sugli assegni familiari. Modifica

Per i bambini, la famiglia è la struttura più importante. Creando una base legale per il sostegno finanziario della Confederazione alle organizzazioni familiari si proteggono i bambini.

leggi tutto

Raccomandazioni brevi

Oggetti del Consiglio nazionale

Martedì 10 settembre 2019 17.3693

Mozione Page

Fine del divieto di celebrare la cerimonia religiosa prima del matrimonio civile

La mozione chiede l’abrogazione dell’art. 97 cpv. 3 CC, che vieta di celebrare la cerimonia religiosa prima del matrimonio civile. Si tratta di un articolo molto importante per proteggere i minori dai matrimoni. Consentendo di celebrare la cerimonia religiosa prima del matrimonio civile, lo Stato perderebbe la sua funzione protettiva. Si agevolerebbero pericolosamente i matrimoni religiosi di minorenni. In Svizzera si assiste già a un aumento di tali matrimoni. Agli occhi di Protezione dell’infanzia Svizzera sarebbe quindi sbagliato sul piano legislativo puntare a un allentamento della protezione offerta dall’art. 97 cpv. 3 CC.

Protezione dell’infanzia Svizzera raccomanda di respingere la mozione.

torna all sommario
Mercoledì 11 settembre 2019 18.052

Oggetto del Consiglio federale

Per un congedo di paternità ragionevole – a favore di tutta la famiglia. Iniziativa popolare

Dal punto di vista della psicologia dello sviluppo, la creazione e il consolidamento del legame con i genitori svolgono un ruolo essenziale durante la prima infanzia. È fondamentale poter stringere relazioni solide e protettive con le principali persone di riferimento, compreso il padre, il più rapidamente possibile. A tale scopo è necessaria la presenza di entrambi i genitori, che condividono la responsabilità di educare il bambino e di provvedere al suo sviluppo (art. 18 della CDF). Per aiutarli, lo Stato deve adottare misure adeguate, come un congedo parentale o perlomeno un congedo di paternità di quattro settimane come richiesto dall’iniziativa.

Protezione dell’infanzia Svizzera invita il Consiglio nazionale a raccomandare al popolo e ai Cantoni di accettare l’iniziativa.

torna all sommario
Lunedì 23 settembre 2019 19.3262

Postulato Gugger

Se i bambini stanno bene, la Svizzera sta meglio

Il postulato chiede di elaborare una strategia e un pacchetto di misure per rafforzare e migliorare il sostegno alla prima infanzia. L’analisi necessaria a tal fine permetterà di avere una visione globale della situazione attuale. Il sostegno alla prima infanzia non si limita tuttavia al settore della formazione. L’interesse del bambino e il suo sviluppo sano sono infatti al centro di tutte le attività dei professionisti che si occupano della prima infanzia. Si tratta di proteggere i bambini e la strategia chiesta contribuirà a migliorare proprio tale protezione.

Protezione dell’infanzia Svizzera raccomanda di approvare il postulato.

torna all sommario

Oggetti del Consiglio Stati

Giovedì 12 settembre 2019 19.3633

Mozione Noser

Difensore civico dei diritti dell’infanzia

In base ai trattati e alle direttive internazionali (per es. la Convenzione sui diritti del fanciullo), i minori hanno diritto a essere sentiti in tutti i procedimenti giudiziari o le misure amministrative che li riguardano (art. 12 della CDF). I minori possono però esercitare correttamente questo diritto solo se hanno accesso all’informazione e alla consulenza giuridica necessarie sui loro diritti e i procedimenti che li riguardano. I minori hanno bisogno di una protezione particolare, anche in materia di accesso alla giustizia. Il loro coinvolgimento permette di lottare contro il loro sentimento d’impotenza di fronte a situazioni difficili della vita, come il divorzio dei genitori o un collocamento presso terzi. Li aiuta infatti a gestire meglio tali eventi e a svilupparsi correttamente a prescindere da essi. La loro capacità di resilienza ne esce rafforzata. La Confederazione deve quindi avvalersi delle proprie competenze legislative in materia di diritto civile, di diritto penale e di diritto degli stranieri per elaborare le basi legali necessarie per istituire un difensore civico dei diritti dell’infanzia, come chiede la mozione.

Protezione dell’infanzia Svizzera raccomanda di adottare la mozione.

torna all sommario
Giovedì 19 settembre 2019 18.091

Oggetto del Consiglio federale

Legge sugli assegni familiari. Modifica

Il progetto prevede segnatamente la creazione di una base legale per la concessione di aiuti finanziari alle organizzazioni familiari attive nell’ambito dell’accompagnamento e della consulenza alle famiglie, nonché della formazione dei genitori. È importante dare una base legale a questo sostegno della Confederazione. La maggior parte di questi servizi rientra infatti nelle prestazioni di base dell’aiuto ai bambini e agli adolescenti definite dal Consiglio federale. Tali prestazioni forniscono un sostegno alle famiglie e aiutano i genitori a sviluppare o a rafforzare le loro competenze educative. Contribuiscono così a una miglior protezione dell’infanzia e permettono di agire a monte, per evitare o limitare misure più incisive.

Protezione dell’infanzia Svizzera raccomanda di seguire la decisione della commissione approvando il disegno del Consiglio federale.

torna all sommario