Media

Protezione dell’infanzia Svizzera consolida il proprio impegno a favore dei diritti dei bambini con un’intensa attività mediatica. Aiutiamo volentieri gli operatori dei media nelle loro ricerche e nei i loro reportage, mettendo a disposizione specialisti qualificati per eventuali interviste e informazioni.

Bambini vittime di violenza assistita: pubblicata il nuovo materiale audiovisivo di sensibilizzazione «Basta!» su un tema tabù

In occasione della Giornata internazionale dei diritti del bambino, con la nuova cartella tematica audiovisiva «Basta!» la fondazione Protezione dell’infanzia Svizzera stimola la riflessione sul tabù della violenza assistita. I filmati e il materiale scritto di accompagnamento informano e sensibilizzano gli specialisti e i famigliari, affinché possano capire e sostenere meglio i bambini vittime di violenza assistita.

Xenia Schlegel è la nuova direttrice di Protezione dell’infanzia Svizzera

Il Consiglio di fondazione di Protezione dell’infanzia Svizzera ha eletto Xenia Schlegel (52) come nuova direttrice. Esperta riconosciuta del settore, la Schlegel mette in chiaro le sue priorità, tra cui l’ancoraggio normativo di un’educazione senza violenza. Per affrontare i suoi nuovi compiti, Xenia Schlegel può contare su circa 30 anni di esperienza professionale in ambito dirigenziale, di posizionamento organizzativo e lavori pubblici. Per quattro anni è stata direttrice marketing e membro del consiglio direttivo del settore marketing, comunicazione e fundraising dell’organizzazione per i diritti dei bambini Save the Children Svizzera. 

Il nuovo progetto CompAct promuove le competenze sociali dei bambini e consolida le competenze dei genitori in ambito educativo

La Fondazione Protezione dell’infanzia Svizzera lancia a livello nazionale il progetto CompAct, che si prefigge di promuovere le competenze sociali dei bambini dai 3 agli 8 anni e di consolidare le competenze dei genitori in ambito educativo. I contenuti del progetto si basano su esperienze pratiche, sono costruttivi e orientati alle soluzioni e vengono trasmessi con l’aiuto di illustrazioni cartonate e di materiale pedagogico adatti alle strutture di custodia complementari alla famiglia, alle scuole dell’infanzia o elementari, ai docenti di sostegno pedagogico e, laddove presenti, agli operatori sociali attivi nelle scuole.

Protezione dell’infanzia Svizzera spiega i diritti dei bambini concretamente nelle Lettere ai genitori di Pro Juventute

In occasione dei 20 anni dalla firma della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza da parte della Svizzera, le Lettere ai genitori di Pro Juventute riservano maggior spazio ai diritti dei bambini: attraverso esempi e spiegazioni, contributi elaborati dalla fondazione Protezione dell’infanzia Svizzera integrano tali diritti nella vita quotidiana dei bambini e delle loro famiglie.

Giornata contro la tratta di esseri umani: Pubblicato un nuovo manuale pratico dedicato alla prevenzione, all’identificazione e all’assistenza alle vittime di tratta di minori

Il servizio specializzato ECPAT Switzerland della Fondazione Protezione dell’infanzia Svizzera presenta un nuovo manuale dedicato alla prevenzione, all’identificazione e all’assistenza alle vittime di tratta di minori. Sensibilizzando gli specialisti che operano tra le fila della giustizia, della sicurezza, della medicina, dell’amministrazione e dell’aiuto alle vittime e offrendo loro indicazioni operative orientate alla pratica, contribuisce a migliorare il riconoscimento precoce e l’assistenza alle vittime. Al settore dell’asilo è riservato un capitolo specifico.

non-chiudiamo-gli-occhi.ch: Notifica online dei sospetti di abuso sessuale di minori nel turismo

Estate, stagione di viaggi: il sito web non-chiudiamo-gli-occhi.ch informa i viaggiatori e gli specialisti del turismo sui rischi e i pericoli dello sfruttamento sessuale di bambini e adolescenti nel turismo, illustra opzioni d’intervento e consente di segnalare facilmente i casi sospetti. L’offerta informativa in tedesco, francese, italiano e inglese è il frutto di una collaborazione tra il servizio specializzato ECPAT Switzerland della Fondazione Protezione dell’infanzia Svizzera e l’Ufficio federale di polizia fedpol.