Il sistema della protezione dei bambini in Svizzera

Oltre che nella Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo, in Svizzera l’obbligo di protezione nei confronti dei minori inteso quale diritto umano è disciplinato in varie altre convenzioni internazionali, nella Costituzione federale nonché nella legislazione della Confederazione e dei Cantoni.

In sostanza, in Svizzera per quanto riguarda la protezione dei bambini si distinguono tre ambiti:

  • Protezione dei bambini di diritto penale: serve a perseguire penalmente i reati penali nei confronti di minori. Le principali disposizioni giuridiche sono contenute nel Codice penale, nel Codice di procedura penale e nella legge concernente l’aiuto alle vittime di reati.
  • Protezione dei bambini di diritto civile: vi rientrano le misure ordinate dalle autorità secondo l’articolo 307 CC e seguenti. Dal 1° gennaio 2013 la competenza è attribuita alle autorità di protezione dei minori e degli adulti (APMA), che presentano una composizione interdisciplinare. La revisione del diritto di protezione dei minori e la creazione della nuova autorità professionale sono state accolte molto favorevolmente da Protezione dell’infanzia Svizzera. In caso di pericolo, l’APMA può ordinare misure pensate espressamente per proteggere e sostenere i minori. Le misure di protezione dei minori mirano esclusivamente a garantire o a ripristinare l’interesse del minore. Esse devono essere ordinate unicamente se i genitori non vogliono o non possono agire spontaneamente e avvalersi di un aiuto facoltativo (sussidiarietà). Le misure ordinate dalle autorità devono inoltre essere proporzionali. L’organizzazione delle autorità è di competenza dei singoli Cantoni. Maggiori dettagli sull’organizzazione delle autorità nei singoli Cantoni sono disponibili qui:
  • Protezione dei bambini facoltativa: vi rientrano tutte le misure e i consultori a cui possono rivolgersi facoltativamente i genitori, i bambini e gli adolescenti. Tra i consultori figurano ad esempio enti pubblici e privati che prestano consulenza agli adolescenti e alle famiglie, servizi sociali, ospedali pediatrici ecc.

I progetti di prevenzione e l’impegno politico di Protezione dell’infanzia Svizzera s’iscrivono sempre in uno o più di questi tre ambiti.

Attualmente Protezione dell’infanzia Svizzera si sta occupando in particolare delle tematiche bambini nel contesto della violenza domesticaeducazione non violenta e salute psichica. Quest’ultima tematica si concentra sui figli di genitori con disturbi psichici, che subiscono conseguenze dirette e indirette. Per quanto riguarda la violenza sessuale, Protezione dell’infanzia Svizzera si occupa da un lato dello sfruttamento sessuale a fini commerciali e dall’altro, in un’ottica preventiva, dell’educazione sessuale dei bambini piccoli. L’attuazione di queste tematiche nell’attività di Protezione dell’infanzia Svizzera è descritta nella rubrica Attività & campagne. Attraverso prese di posizione, raccomandazioni al Parlamento e procedure di consultazione, Protezione dell’infanzia Svizzera esprime pareri e rivendicazioni su altri aspetti della protezione dei bambini.