Cartella tematica audiovisiva «Basta!»

Con la nuova cartella tematica audiovisiva «Basta!», la fondazione Protezione dell’infanzia Svizzera stimola la riflessione sulla tematica dei bambini vittime di violenza assistita. Mediante filmati e materiale scritto di accompagnamento, sensibilizza gli specialisti che lavorano con bambini e adolescenti nonché i privati interessati affinché possano capire e sostenere meglio i bambini vittime di violenza assistita.

Target

  • Docenti di scuola dell’infanzia e elementare, docenti di sostegno pedagogico, direzioni scolastiche
  • Educatori e altro personale negli asili nido o nelle strutture di custodia extrascolastica
  • Professionisti e educatori attivi nell’animazione giovanile
  • Professionisti nell’ambito della consulenza e della terapia
  • Professionisti del settore sanitario
  • Specialisti della protezione dell’infanzia
  • Studenti e docenti di indirizzi di studio sociali, pedagogici e psicologici
  • Privati interessati a questa tematica

Contenuto della versione cartacea incl. stick USB

  • 5 filmati presentano i ritratti di bambini, adolescenti e genitori che riferiscono di esperienze di violenza assistita
  • 3 filmati tematici: «Bambini – conflitti e crisi», «Trovare un aiuto – con le proprie forze», «Aprire gli occhi e agire – nell’ambito della consulenza, dell’accoglienza extrafamiliare e nelle scuole»
  • 3 infografici per specialisti e genitori
  • Documentazione di accompagnamento

Disponibile gratis online / da scaricare

  • 3 filmati illustrano il lavoro psico-pedagogico portato avanti con i bambini
  • 5 brevi reportage sulle offerte di sostegno per i bambini vittime di violenza assistita

www.protezioneinfanzia.ch/violenza-assistita

Il materiale può essere scaricato gratis. Copie della cartella tematica possono essere ordinate al prezzo unitario di CHF 40.- più spese di spedizione online.

Cartella tematica audiovisiva «Basta!»
Order

Il riutilizzo dei testi o parte di questi è consentito soltanto se viene indicata la fonte. Le citazioni devono essere convalidate da Protezione dell’infanzia Svizzera.

Torna indietro